An Italian Doctor in Cambodia: Professor Emidio Grisostomi Travaglini in Battambang in 1999

 

In a very interesting book, Professor Emidio Grisostomi Travaglini, uncle of my friend Marquess Vincenzo Grisostomi Travaglini, is telling about his experience in Cambodia in Battambang during 1999 Christmas. Here are his words in Italian and I will try to provide a suitable English translation.

01e-copertina

emidio-grisostomi-travaglini-ricordi-di-un-medico-ortopedico_pagina_004emidio-grisostomi-travaglini-ricordi-di-un-medico-ortopedico_pagina_009emidio-grisostomi-travaglini-ricordi-di-un-medico-ortopedico_pagina_024emidio-grisostomi-travaglini-ricordi-di-un-medico-ortopedico_pagina_069

Christmas 1999 in Cambodia:

On 28th March 2000, Professor Grisostomi is telling us about his experience in Cambodia:

“During last Christmas holiday (1999), instead of my usual mountain holiday, I accepted the proposal for a collaboration with a hospital in Battambang in Cambodia, set up by Emergency NGO which is taking care of war victims, especially the ones wounded by landmines.

Still nowadays, years after the end of the war, the consequences of the conflicts are vivid and devastating. More than 90% of the victims are civilians: women and elders, young and adults are wounded while cultivating their fields or feeding their cattle, but above all, children, tragically caught while playing or helping their parents.

The estimation is that at least 2000 victims per month are wounded by the 100000000 landmines disseminated  and hidden in the Cambodian territory. The landmine clearance, a longterm work, which requests the precison of high-trained professionals, is slow, expensive and extremely dangerous. Unfortunately, in many zones, one must bitterly admit that this landmine clearance is done by poor ignorant people, who are obliged for the necessity of life to sacrifice one leg, one arm, etc… thus eliminating some of these criminal landmines.

To help these persons, it has become necessary to open specialised medical centres with physicians, nurses, physiotherapists and orthopedic technicians. Volunteers were called to support these initiatives.

 

 

emidio-grisostomi-travaglini-ricordi-di-un-medico-ortopedico_pagina_070

Once again, Italy has shown attention and sensitiveness in organising and sending help through Emergency NGO,  which already intervened in Rwanda during the genocide periods, in Kurdistan, Afghanistan and Cambodia, where I took part personally as orthopedic surgeon at Battambang hospital, in a structure which bears the name of the journalist Ilaria Alpi. The patients of this hospital were mainly victims of landmines which were located on the border with Thailand. Only in 1999, more than 1000 of them were killed and tens of thousands of persons remained handicaped and unable to earn a living for themselves hence.

Moreover, the situation was dramatically worsened by nature and the frequent rains, which on the one hand, make possible the necessary rice growing but on the other hand, when they are very heavy, the water is transporting and hiding again and again landmines so to transform ricefields in very dangerous insidious traps for local people, who are already suffering disease such as malaria, polio, aids, etc…  The country is also suffering the lack of medical staff and structures, totally cancelled by the Khmer Rouge and the only ones available are very expensive and normal people cannot afford to be cured in the right way.

emidio-grisostomi-travaglini-ricordi-di-un-medico-ortopedico_pagina_071

In these circumstances, the  Battambang Hospital is significantly reducing the number of landmine victims and at the same time, giving a very good preparation to surgeons and medical staff to be at the right level to deal with problematics such as poliomyelite disease ill persons, quite numerous, due to the cancellation of the vaccinations during the dictatorship of the Khmer Rouge and people presenting congenital malformations as well as bone infections. The director was Italian Lady Anna Marchesi, ICRC, who was very experienced in post-conflict situations.

The medical team at my arrival was made of one general surgeon from Kurdistan, one anesthesist from Mongolia, one physiotherapist from England, two Italian nurses and one French. We were also helped by three young Cambodian doctors and numerous local nurses. It is with them that I spent my Christmas holiday. I would have wanted to transmit all my medical skills and experience in those (unfortunately) too short days. I must admit that the hospital, although it was particularly furnished for emergency situations, allows me to cure different unexpected cases, which I already had to face in Africa for instance. Especially when the patients arrived with wounds at faces, arms and above all, eyes.

 

emidio-grisostomi-travaglini-ricordi-di-un-medico-ortopedico_pagina_072

For me, as well, although I was used to emergency operations, to see children and young people wounded in many parts of their bodies remains an indescriptible shock. The last patient I operated before coming back to Italy, a young farmer who lost both hands and was almost blind, has been lika a desperate SOS to stop all these tragedies.

I experienced once again that being useful is always satisfactory, even more for the one who gives that for the one who receives. I would like, however, to recall and acknowledge the collaboration, which is unfortunately always insufficient, of various organisations, such as the Italian Rotary Club, who helped the Battambang Hospital to refurbish one surgery room; or the funding given by the Swiss Rotary Club of an ICRC prothesis centre.

To conclude, I cannot not invite you to support with determination and concrete facts the campaign for the cancellation of landmines, who reduce military and above all, innocent civilians to the state of human ruins. Emergency has demonstrated to be an efficient initiative, little but significant instrument; this is why it deserves unconditional support to be more known and helped to grow up.”

emidio-grisostomi-travaglini-ricordi-di-un-medico-ortopedico_pagina_073

 

Interview in Italian by famous journalist Ornella Rota

DoveStiamoAndando? A conoscere la Cambogia con l’aiuto di Pirandello

Roma – “In un contesto buddista la verità è ricerca di vita, devi trovare la via giusta; da voi invece, se la verità fa arrabbiare, meglio una piccola bugia che consenta di vivere armoniosamente. Ecco, questa differenza è stata il solo punto per me un po’ difficile”.

Saggezza mediterranea e reminiscenze pirandelliane…

11694752_10154050219740299_6927338652124060067_n

 

Scoppia a ridere: “Lo so, lo so”. Ironico e autoironico, coltissimo, affettuoso, grande senso estetico e curiosità del vivere, S.A.R Ravivaddhana Sisowath Monipong, membro della Casa Regnante cambogiana, spiega che “la dialettica di Pirandello non corrisponde al mio ideale però ci convivo con molta gioia, anche perché mi aiuta a capire i miei connazionali di oggi”.

Fammi capire: Pirandello ti aiuta a capire la Cambogia?
“Durante la dittatura degli kmer rossi (1975-1979) che decimò un terzo della popolazione e l’80% della mia famiglia, i miei connazionali dovettero crearsi una loro verità. Una volta tornati liberi però, molti kmer rossi cambiarono identità per non essere riconosciuti. In Asia  si dice che quando hai vissuto cose terribili sotto una certa identità, vai al tempio e chiedi al monaco un altro nome per modificare il destino. Capita così che sovente a Phnom Penh, dove viaggio più volte all’anno, devo chiamare con un nome diverso persone che sono le stesse di prima, che conosco molto bene ma che ora vivono un’altra realtà. E questo è totalmente Pirandello. D’altra parte anch’io sono in una situazione simile: tanti amici mi chiamano Benoit, nome che mi è stato imposto quando mi sono convertito al cattolicesimo; per altri invece sono Ravi, diminutivo dell’originario Ravivaddhana; in famiglia mi conoscono fin da piccolo come Titou. Il mio primo nome, che in sanscrito significa “raggio di luce che si emana all’infinito” venne scelto personalmente dalla regina/madre perché gli astrologi di palazzo reale non si mettevano d’accordo su come chiamarmi”.

Cultore di astrologia e di studi esoterico come da millenaria tradizione familiare, educato in Francia (“la famiglia di mia nonna paterna è originaria della Provenza”), Ravi ha studiato sanscrito e latino, è laureato in letteratura contemporanea inglese e appassionato di storia dei movimenti femministi (“erano lungimiranti perché si rendevano conto che in tema di libertà sessuale avanzare pretese eccessive era il solo modo affinché, nel tempo, rimanesse almeno una parte di quelle istanze”). A Roma vive dal 1997, e per nulla al mondo vorrebbe vivere al nord“dove fa freddo e tutto funziona, invece le idee nascono dal caos”. Adora il Mediterraneo: “Mi sento protetto dal vostro modo di vivere, di essere, e poi ci sono gli odori, i profumi, gli effluvi – io sono asiatico quindi il mio primo impatto con la realtà passa per il naso”.

Diverso concetto di verità a parte, ci sono (state) altre ragioni di perplessità?
“Intanto, il galateo. Quando amici italiani (o in genere occidentali) mi chiedono una serata intitolata al cibo e alle tradizioni cambogiane, devo spiegare che per ogni cibo noi prevediamo una determinata musica, una maniera per accettarlo e un momento per mangiarlo. Siamo molto formali, e le regole quotidiane, spicciole, sono sovente opposte: qui ad esempio quando la persona più importante entra in una stanza tutti si alzano, da noi invece si abbassano perché la sua testa dev’essere la più alta; qui è il superiore a porgere la mano, da noi è l’inverso; e quando un cameriere ti serve un aperitivo, voi dite grazie, noi facciamo un piccolo cenno alla padrona di casa.

Poi, la gerarchia. Per intenderci con un riferimento macroscopico: nella nostra cultura e spiritualità (attraverso i secoli la Cambogia ha filtrato elementi di induismo e animismo nel contesto buddista, ndr)la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo non ha senso, soprattutto nel primo articolo secondo cui gli esseri umani nascono uguali. Come possiamo essere uguali se ognuno di noi porta il segno e il peso delle sue proprie vite precedenti? Se tu adesso (ri)nasci in una famiglia perbene e che ti ama, questo significa che prima sei stato un giusto, dunque meriti molto riguardo. Ma ti ho detto solamente un paio di frasi veloci, nella realtà le sfumature sono infinite”.

Come concili il fatto di essere cattolico e di credere nella reincarnazione?
“E’ una domanda frequente, di solito rispondo con una battuta. Il buddismo mira a compiere il ciclo infernale delle reincarnazioni, devi vivere 500 esistenze perfette per accedere al nirvana; se sei cattolico invece e ti comporti bene, ti basta una vita per andare direttamente in paradiso. Diciamo che ho trovato una scorciatoia assoluta”.

E diciamo pure che siamo di nuovo a Pirandello.

DoveStiamoAndando? A conoscere la Cambogia con l’aiuto di Pirandello

 

Article in “Oggi”, Italian Weekly Magazine, 23 March 1956

 

 

pag41

 

SUCCEDE AL FIGLIO SUL TRONO DI CAMBOGIA.

Phnom Penh (Cambogia). Il re Norodom Suramarit insieme alla regina Kossamak siede sul trono nel giorno dell’incoronazione. Vestito dei tradizionali paludamenti d’oro con il copricapo a forma di cono splendente di perle, il re Norodom  ha ricevuto per molti giorni  l’omaggio dei suoi sudditi, mentre in tutto il paese avevano luogo le cerimonie e i festeggiamenti ufficiali. Egli ha sessanta anni e sul trono di Cambogia – uno dei regni semindipendenti dell’Indocina – ha preso il posto del figlio Sihanouk che è diventato in compenso primo ministro e capo del governo. A sua volta, Sihanouk era stato scelto come re dalla nonna materna, che aveva regnato prima di lui. La Cambogia ha quattro milioni di abitanti.

copertina

 

 

Cena cambogiana al Kursaal di Lucio Sestili ad Ascoli Piceno o la gioia di condividere musica e cibo reale con i miei amici Marchigiani

Resto del Carlino copia

Corriere Adriatico copia

messaggero copia

     Vorrei ringraziare calorosamente tutti i miei amici del Kursaal per la loro gioiosa collaborazione, uno staff con il quale mi sono sentito in “famiglia”, cosī come nelle cucine del Palazzo e così come per lungo tempo in Francia, dove al limite del giardino della nostra casa era segnato il confine ideale tra un mondo esterno e la partecipazione e il calore delle nostre tradizioni più care. Musica, canto e cucina con i sapori di Cambogia, un’arte che abbiamo ieri sera condiviso nel segno della più genuina ospitalità Marchigiana. Sara e Simona, Riccardo e con loro la deliziosa, competente e petulante Rita, Monica in una sua rinnovata esperienza nella cucina asiatica, l’affascinante Grazia e la forza tranquilla e sempre sorridente di Philip. Cosa chiedere di più, caro Lucio, sempre attento e misericordioso nell’esaudire ogni desiderio… Ed il nostro desiderio, di Vincenzo e mio, è di ritrovarci presto insieme, nella “generosa” Famiglia del Kursaal, con immutato affetto. Magari, perché no … allietati dalla promessa di una succulenta anatra in umido e buon vino.

http://www.fotospot.it/2015/10/22/50413/a-cena-con-il-principe-ravi/