Montenegro e Cambogia: Un felice incontro tra Case Reali, lontane geograficamente, ma vicine nella condivisione di valori.

Un felice incontro tra Case Reali, lontane geograficamente, ma vicine nella condivisione di valori. Sua Altezza Reale il Principe Nikola Petrović-Njegoš di Montenegro a cui l’ufficialità di promuovere all’estero l’identità, la cultura e le tradizioni del proprio Paese e Sua Altezza il Principe Sisowath Ravivaddhana Monipong nella sua qualità di Ambasciatore della Real Casa di Cambogia a cui sono state affidate analoghe finalità.
Nel corso della serata, dopo i rispettivi saluti di benvenuto, sono stati affrontati temi particolarmente sensibili quali il messaggio ecumenico del Santo Padre, l’auspicio del rafforzamento di un’amicizia fraterna tra i popoli slavi e in particolare dell’ex Jugoslavia e lo sviluppo di un sentimento collettivo per la protezione dell’ambiente e la solidarietà ecologica per un futuro comune nel rispetto dei diritti umani; argomenti di particolare concretezza per lo sviluppo di una coscienza collettiva e di vicinanza tra le diverse genti.
20171119_202118
L’incontro è avvenuto il 19 novembre 2017 al Grand Hotel de la Minerve a Roma, presente la Dottoressa Nalini Errate, il Conte Giuseppe Tedeschi, Rappresentante Ufficiale della Dinastia dei Petrović-Njegoš e il Nobile Alessio Butti, Consigliere Diplomatico del Principe Nikola. Con loro, ospite d’onore, Sua Eccellenza Miodrag Vlahovic, Ambasciatore del Montenegro presso la Santa Sede, Monsignor Jean-Marie Gervais, Prefetto coadiutore del Capitolo Vaticano, nonché Presidente dell’Associazione culturale Tota Pulchra, la Nobildonna Maria Ratkova, Mezzo soprano, Fabio Cassani Pironti, Conte di Giraldeli, il Marchese Vincenzo Grisostomi Travaglini e il Dottore Maurizio Napoli della FINNAT.
Advertisements

“L’elisir d’amore” of Gaetano Donizetti in Manila: the memories of the setting up of an Opera in the Philippines with Maestro Vincenzo Grisostomi Travaglini

The project for a new production of an opera in the Philippines is in itself an adventure.
A challenge into the unknown in a country, which is far, not only geographically but also
culturally. Among lessons learnt out of numerous travels abroad, there is one prevailing
principle: never give a universal meaning to what was already experienced, but one should remain conscious that some precise emotions should be translated not into words, but above all, into thoughts. This is how all began, with an assessment trip to the populous capital city of the Philippines, in Manila.
20170930_070703
Ravi (who kindly hosts me on his Blog) and I were thus involved in a long, but quite usual, trip towards new constructive adventures. Ravi was born in south-east Asia, in Cambodia and in spite of his rational convictions due to his French roots, he still owns the egnimatic turn of mind, typical of Orient. He, a member of the Khmer Royal Family, was the one who pushed me in the enthusiasm of this new challenge, for a major involvement in South-East Asia and in memory of his grandfather, Prince Norodom Monissara, who led the cambodian diplomatic representation in Manila from 1963
to 1965. It is with pride that we wore the precious Barong, the traditional formal philippine shirt, a gift of Mrs. Tantoco.
20171007_220742
As far as I was concerned, in order to proceed with method, I had to convince myself once again that Asia is huge continent and that the Philippines were far away from industrious Japan, where I had so many work satisfactions, from borderless China from Beijing to Shanghai or even from creative Cambodia. The Philippines was a specific reality, as each territory owns its proper identity.
Our reference spot in Manila was the CCP, Cultural Center of the Philippines, built in the 1960s under President Ferdinand Marcos, counselled in the cultural field by his wife, Imelda Marcos. I have always been fascinated by the involvement of Orient in musical culture, especially the italian one: One more reason to reflect on how such far countries with so different traditions could receive the message of our classical composers with sensibility. In Manilla, in the last decades, some very famous soloists sang on the CCP stage, from Luciano Pavarotti to Montserrat Caballé. Legendary Palcido Domingo did an unforgettable “Turandot” with Eva Marton, under the direction of Giampaolo Lomi, who was essentially known in the field of cinema and who has been, thanks to his tightly-knit relationship with the Philippines, the main promoter of our participation to this initiative. He was the one to receive the proposal of Mrs. Tantoco, President of the
Philippines-Italia Association, to set up an opera to celebrate the 70th anniversary of bilateral relations between the two nations.
20171008_192347
After the official backgrounds arose the numerous emotions: the tumultuous arrival after a long and tiring trip, the tangling roads in a tropical heat, scarcely mitigated by a supposedly refreshing breeze; and, above all, the curiosity of this immense CCP building, headquarter of a lively activity, with unexpected theatre spaces. An efficient stage staff, with absolute and heartfelt collaboration. One evening, Mrs. Tantoco invited us to a concert of the PPO, Philippine Philarmonic Orchestra, which benefited from the teachings of Maestro Franco Ferrara in the mid 1960s, after his stay in Japan. To put it in a nutshell, a fascinating reality was opening itself to our eyes, inviting us to build up a project, which should have an Italian signature !
L'elisir_d_amore_Manila 06 Francesco Vultaggio
The idea was to involve friends, esteemed professionals, such as Maurizio Varamo of the Opera of Rome for the sets and Otello Camponeschi for the costumes; both fellows, always available, began to work at once to provide me with sketches, renderings and models. The choice of the opera was made by Mrs. Tantoco who preferred “L’elisir d’amore” of Gaetano Donizetti, “melodramma giocoso” which had been never staged in the Philippines. Eugène Scribe chose to virtually set the action in Spain, in Asturias province, but it is well known that the “librettista” Felice Romani and above all, Donizetti himself, wanted the opera to take place in Lombardy.  We were here in the Pacific Ocean and to give a special expression to the action, I chose to set it in the Roman countryside with its pinetrees, in the 19th century, mostly inspired by the designs of Bartolomeo Pinelli.
L'elisir_d_amore_Manila 01
The set maker was Mio Infante: From Florence, where he was staying, he came to Rome to be initiated to the treasures of the Eternal City, in occasion of a visit to the workshops of via dei Cerchi, led by Maurizio Varamo with eloquence and many stories, all testifying with wit of the secrets of the Italian School of Opera set designing.
For the costumes, Bonsai Cielo was called and her collaboration gave birth to a beautiful interpretation of the original designs with the bright colours and materials of Philippine traditions.
20171007_142627
Such a new and ambitious project demanded concrete supports and the encounter with Executive Producer Nestor O. Jardin was fundamental. Nes, as we all call him friendly, is such a rich personality, who, from the beginning, welcomed us with professionality and sharpness, even when our requests became so complex and overflowing, understanding the targets and the necessity to have the right means to achieve them. With him, Professor Raul Sunico, a great musician, fanous for his prestigious teachings, full of wiseness.
L'elisir_d_amore_Manila 07 Elena Monti, Byeong In Park , David Astorga
To complete the whole creative team, we were missing the key person, the magus who would be able to render the marvels of lights on stage: the challenge was accepted by Giovanni Pirandello, the great-grandson of the Nobel Prize fro Literature: a concentrate of professionality to be proud of !
20171007_101418
Last but not least, the whole cast of singers was to be chosen with the utmost care, in order to give the right connotations to the voices. The Philippines has asked for a significant italian participation but to materialise the actual spirit of collaboration, we needed definitely to give space to the local artistic excellency expressions.
In Manila, together with Ruggero Barbieri, the conductor chosen by Mrs. Tantoco for his solid reputation in the city for several years, we heard many young singers, most of whom were students of soprano Rachelle Gerodias-Park. The ideal that we were longing for and achieved was to have Rachelle herself bringing her special participation as
Giannetta, who perfectly knows how to “cantare all’italiana”, thanks to the teachings of famous diva Mirella Freni. Together with her, for the role of Belcore, Corean Baritone Byeong-In Park, who happened to be Rachelle’s husband, with his solid voice and reliable stage presence. For Adina, the choice was indicated by the Philippine sponsors who noted Elena Monti in Manila in a concert last year which was quite a success thanks to the art of this young and almost charming soprano.
L'elisir_d_amore_Manila 30, Il coro
We were still missing tenor and “buffo”. This was an admirable opportunity to open up towards young talents of lyrical art and our absolute reference in finding them was Mrs. Giovanna Lomazzi, vice-president of As.Li.Co. She was coming back from Sant Cruz de Tenerife, after listening to Costa Rican tenor, David Astorga, who won immediately
the first prize of the Salice d’Oro: who else could be a better Nemorino? From Trapani, the baritone, for the occasion in the role of “buffo”, the histrion charlatan Dulcamara would be Francesco Vultaggio, a brilliant student of Simone Alaimo.
The cast was finally done !
Gruppo
This is when the alchemy begins to come true, the stage got animated and the project to get realised. No experience could leave someone indifferent at the very moment of a production birth; a show which will be always different, of which each repetition will never resemble another one and of whom, emotions will be unique because unable to be repeated.
20171003_002840
Rehearsals are synonymous of quality and each production is for all, conductor and director included, an opportunity to gain a different conscience. This availability of spirit is a fundamental condition to guarantee the quality of a performance.
One should be opened to what is going to emerge on each very moment, flexible enough to change mind on the spot, following the stream of ideas, motions and gestures which would arise all of a sudden. It is the necessary sine-qua-non to the creative process, the source of enriching surprises, as, for instance, the ones born from the collaboration with the young singers of the Coro Tomasino: our first encounter was under the sign of prudence: “Are they aware that this very special opera needs their constant presence all along the performance” was the question I brought to myself. “How can we render the French manner drama style, although we have to obey some theatrical tricks from the Naples traditions” was another one. The young singers were very attentive and followed every single indication given by Ravi, who is actually gifted to interpretate and translate
my concepts and direction with simple words and efficient phrases. The art of talking to crowds is more than a job, it is a gift!
20171003_002622
Day after day, the participants got transformed into characters, following their very own personal motivation to be rendered in deeds and expressions throughout singing and acting. Here, in the Philippines,  there is no need for a director to beg for extra hours of rehearsals – absolulety impossible in Europe – because in Manila, all of the coro members, with their kind Maestro Ronan Ferrer, were always ready and grateful for all that they could be able to learn from these precious staging lessons. The emotion would be at its utmost point when, at the end of the performances, the expression of all the young singers would reach its most sincere expression when greeting Prince Ravi, each of the young students of the Conservatory would rise Ravi’s hand towards each one’s forehead in sign of gratitude and respect, from Asians to another Asian, in a universal embrace.
L'elisir_d_amore_Manila 03 David Astorga
The rehearsal venues in the heart of CCP got animated day after day, following the natural metamorphosis of the progress done in the flowing experiences of an opera setting up. The stage got alive all at once and the music got free from the melody, in which it was jailed. The following surprises came from the extras; all, students of the UST Conservatory, got so deeply involved in their acting, that they gave me the clear impression to become real interpreters of the highest level of drama, always with good mood and smiles.
L'elisir_d_amore_Manila 09 Francesco Vultaggio, David Astorga
Last but not least, the marvellous collaboration of elements of the Philippine Ballet
Theatre, for whom I had in mind only two little interventions, at the beginning of the two acts, but, as the dancers got passionately immerged in this sparkling profusion of colours and sounds, from time to time, reported to one’s personal sensitivity, the same dancers brought to life the scenes of Pinelli’s Rome, with mandolines and tamburins, with vivid moves, reflecting elegant poetry in an original interpretation. My grateful thanks to the choreographer Anatoly Panasyuokov, from the Bolchoi ! Our farewell greetings were very emotioning.
22256812_10156755987985299_6278671140080613654_o
The theatrical machine was on its way and no one was left on its own, thanks to the professionality, doubled with witty humour of our stage manager, fairly known as the best of the Philippines, Ed Murillo. In all the show “within the show”, Ravi and I appreciated some litlle privileges such as the (hidden) permission to take a coffee backstage, for instance.
20171008_193059
So, then,…. our hearts were beating hard on that very “Gala” evening of the 7th October 2017. One could be prepared and done it for hundred times, but whenever the curtain is opening, words are really lacking to describe the feelings.
L'elisir_d_amore_Manila 04 Rachelle Gerodias-Park
Even more after the greetings of CCP President  Arseno J. Lizeso, of our ambassador Giorgio Guglielmino recently arrived in Manila, who definitely wants to increase the level of the cultural collaboration, in this case, in the field of opera, between the two countries, and of the President of the Association Philippine-Italy, Zenaida Tantoco. The
execution of the two national anthems, philippine and italian, with the respective flags on both sides of the stage, the prestigious attendance of so many ambassadors, among whom Her Excellency Mrs. Tuot Panha, ambassador of the Kingdom of Cambodia to whom goes my heartfelt gratitude for her encouraging words and presence from
the beginning of this adventure. In synthesis, an honour evening, which weigh its importance on our shoulders with a final result so satisfactory !
18118913_10156119201430299_3115423999380958186_n
The day after, sentiments and feelings were even stronger in occasion of the “matinée”. For the Gala evening, the prices of the tickets were voluntarily high to gather funds for the construction of a new church in the apostolic parrish of Tondo, Manila; on the following sunday, the prices were more accessible and surprisingly, most of the 1.800 seats were occupied. A heterogeneous audience and the new Philippine generation was invading the theatre with its refreshing and exulting strength, during the warm, always accurate applause; a sign of a real involvement  in what was going on on stage, as when the audience asked for a “bis” of the famous aria “Una furtiva lagrima”. I was in the light control cabin at the moment of the litteral “invocation” of the “bis” and during the endless applause, the technician launched the following light effect. Generous David Astorga made a sign to the conductor to grant the “bis” and at the same moment, with my approximative English, I tried to have the technician go back to the previous lighting effect. It was a real effort for him: never in his life had he had to do such a thing ! This is when I definitely realised that how all our “rituals” were so different: having an “aria” repeated for us is a clear sign of success and I understood all of a sudden how intense and interesting for both parts were these days spent together, trying to assemble competences and talents to the service of art for art’s sake, a great sentiment of reciprocal progress.
22382485_10208153978322171_1738220116758104558_o
At the end of the performance, when all the soloists, with the conductor and the guest director, were invited to an informal encounter with the spectators on the stairs of the “Foyer”, like 1930s divas. Twinkling flashes of cellphone cameras were telling us not to go, which I personally translated into a “one more time” and “arrivederci” !
20171009_180405

“L’elisir d’amore” di Gaetano Donizetti per la prima volta a Manila: Ricordi vivaci di una produzione eccezionale, condivisi dal Maestro Vincenzo Grisostomi Travaglini

Il progetto per una nuova produzione di un’opera nelle Filippine è già di per se stesso un’avventura. Uno squarcio verso l’ignoto in una terra che è lontana non solo geograficamente, ma anche nell’identità. Tra i concetti che si apprendono nei molti viaggi vi è quello di non dare ai concetti acquisiti nella propria formazione un significato
universale, bensì avere la consapevolezza che determinate emozioni devono essere tradotte se non nella parola, soprattutto nel pensiero. Così la vicenda ha inizio, con un viaggio di sopralluogo nella popolosa capitale delle Filippine, a Manila.
20170930_070703
Ravi (che ci ospita nel suo blog) ed io ci trovammo così coinvolti in un lungo viaggio, ma non inusuale nella ricerca di nuove, costruttive esperienze. Ravi nasce nel Sud-Est Asiatico, in Cambogia e nonostante le sue convinzioni di stampo razionalistico-francese possiede tutta l’enigmaticità dell’Oriente. E’ stato lui, membro della Famiglia Reale Khmer, a spingermi nell’entusiasmo di questa impresa, per un maggiore coinvolgimento nel Sud-Est Asiatico e memore dell’impegno di suo nonno, il Principe Norodom Monissara,  nell’aprire la prima rappresentanza diplomatica cambogiana a Manila.
Con fierezza abbiamo indossato il prezioso Barong offerto dalla signora Tantoco, che è l’abito di rappresentanza tipico di quella tradizione.
20171007_220742
Dalla mia parte per poter operare dovevo inizialmente riuscire a convincermi una volta di più della vastità di un continente e che le Filippine sono ben distanti da un operoso Giappone dove ho avuto tante soddisfazioni professionali, da una sconfinata Cina di Pechino o di Shanghai o ancora dalla creatività cambogiana. Una realtà a parte, come l’identità di ogni territorio.
extra 03 L'elisir d'amore Manila, Rachelle Gerodias-Park, Elena Monti, Coro
Punto di riferimento a Manila il CCP, Cultural Center of Philippine, edificato negli anni Sessanta sotto la presidenza di Ferdinand Marcos, sostenuto per la cultura dalla consorte Imelda Marcos. Sono stato sempre affascinato del coinvolgimento dell’Oriente nella cultura musicale, in particolare italiana. Un motivo in più per riflettere sull’internazionalità di questo messaggio che viene recepito con sensibilità nell’ambito di tradizioni tanto lontane. A Manila, nei decenni scorsi, si sono esibiti solisti famosi, da
Luciano Pavarotti a Montserrat Caballé e il tenore Placido Domingo che è stato interprete di una memorabile “Turandot” con Eva Marton, per la regia di Giampaolo Lomi, regista principalmente nel campo cinematografico, che nel suo legame con le Filippine è stato il
promotore del nostro coinvolgimento nell’attuale iniziativa. A raccogliere la proposta la signora Zenaida Tantoco, presidente dell’Associazione Filippine – Italia, nella ricorrenza dei 70 anni delle relazioni bilaterali tra i due Paesi.
20171008_192347
Questa l’ufficialità a cui seguono le molte emozioni: l’arrivo dopo un lungo viaggio, lo snodarsi di strade in un calore tropicale appena mitigato da una brezza che si fingeva refrigerante; soprattutto la curiosità dell’immenso edificio del CCP, sede di una vivace attività, con spazi teatrali inaspettati. Un palcoscenico efficiente e una collaborazione assoluta. La sera, in occasione di un concerto, il primo impatto con la Philippine Philharmonic Orchestra, ben sapendo del lavoro di formazione che a metà degli anni Settanta compì il maestro Franco Ferrara, dopo il suo viaggio in Giappone. Una realtà affascinante si apriva ai nostri occhi per un progetto che si voleva di stampo italiano. L’idea era quella di coinvolgere amici, stimati professionisti quali Maurizio Varamo del Teatro dell’Opera di Roma per le scene e Otello Camponeschi per i costumi; sempre disponibili si sono messi al lavoro per bozzetti e figurini. La scelta dell’opera era stata risolta dalla signora Tantoco che aveva prediletto “L’elisir d’amore” di Gaetano Donizetti, melodramma giocoso mai eseguito nelle Filippine. L’azione è genericamente collocata da Eugène Scribe nelle Asturie, ma è ben noto che il librettista Felice Romani e soprattutto il
compositore bergamasco la pensarono nelle terre lombarde. La proposta ci portava sulle rive del Pacifico e per dare una più decisa connotazione si è pensato al fascino di una Roma agli albori dell’Ottocento, tratta dagli espressivi disegni di Bartolomeo Pinelli.
Questa l’ambientazione!
L'elisir_d_amore_Manila 08 Francesco Vultaggio
Il costruttore per le scene è  Mio infante; di passaggio a Firenze, era sceso a Roma per un incontro con la Città Eterna e i sui tesori, nell’occasione di una visita ai Laboratori di via dei Cerchi, condotta dalla maestria di Maurizio Varamo che è partecipe dei segreti della
grande scuola di scenografia.
L'elisir_d_amore_Manila 27 Elena Monti, Francesco Vultaggio
Per i costumi, la realizzazione viene affidata a Bonsai Cielo e con lei si sviluppa un particolare rapporto creativo che vede i disegni originali integrati da una solare tradizione di tessuti e di colori del folklore filippino.
L'elisir_d_amore_Manila 30, Il coro
Una nuovo allestimento richiede uno sforzo notevole e fondamentale è stato l’incontro con il Produttore Esecutivo: Nestor O. Jardin, ricco di esperienza, ha raccolto con acume e professionalità le molte, avvolte straripanti richieste, comprendendone le finalità e la giusta causa. Con lui, il maestro Raul Sunico, musicista e didatta di grande
prestigio.
L’occasione da non perdere era di presentare nella capitale un titolo operistico che, nella tradizione, si proponesse a tutti quegli stimoli che la società odierna richiede, nel saper parlare a un nuovo pubblico per lo più distante da una realtà di palcoscenico quale l’operistica.
20171007_142627
Mancava un tassello, la magia della luce; l’offerta è stata raccolta da Giovanni Pirandello, pronipote del drammaturgo premio Nobel per la letteratura. Un concentrato di professionalità di cui andare fieri.
Gruppo
Quindi, una compagnia di canto che avesse una precisa connotazione. Dalle Filippine era richiesta una marcata presenza italiana, ma per una più significativa collaborazione era necessaria una rappresentanza più vasta. A Manila, con il direttore d’orchestra designato, il bergamasco Ruggero Barbieri di già consolidata esperienza nel Paese, si sono ascoltati giovani cantanti, per lo più allievi del soprano Rachelle Gerodias-Park. L’idea e la proposta: avere quale partecipazione straordinaria nel ruolo di Giannetta la maestra di tante promesse, la stessa Rachelle Gerodias-Park che ben conosce il “cantare all’italiana”, grazie agli insegnamenti di Mirella Freni. Con lei per Belcore il baritono coreano Byeong In Park, che è marito dell’interprete di Giannetta, dal solido canto e presenza scenica.
L'elisir_d_amore_Manila 07 Elena Monti, Byeong In Park , David Astorga
Protagonista quale Adina, era stata indicata Elena Monti che l’anno precedente a Manila aveva acquisito notorietà con un applaudito concerto. Mancavano tenore e buffo. Quale occasione migliore per aprire a giovani promesse della lirica e ideale punto di riferimento è stata Giovanna Lomazzi, vice-presidente dell’As.Li.Co, da sempre impegnata nella promozione di talenti. Di ritorno da Sant Cruz de Tenerife, aveva ascoltato il tenore del Costa Rica, David Astorga, che subito dopo vincerà in Italia il primo premio al concorso Salice d’Oro: Nemorino.
L'elisir_d_amore_Manila 09 Francesco Vultaggio, David Astorga
Da Trapani il baritono, nell’occasione in un ruolo da “buffo”, l’istrione ciarlatano Dulcamara è Francesco Vultaggio, allievo di Simone Alaimo.
Dulcamara specifico
La compagnia era pronta. Ecco che l’alchimia inizia a prendere forma, il palcoscenico ad
animarsi e il progetto a realizzarsi! Non c’è esperienza che lasci indifferenti al nascere di una produzione; uno spettacolo sempre diverso, che nel suo dipanarsi non assomiglia a null’altro che sia stato vissuto in precedenza e le cui emozioni resteranno uniche,
perché irripetibili.
20171003_002622
Le prove sono sinonimo di qualità e ogni produzione è per tutti, direttore d’orchestra e regista compresi, occasione per una diversa conoscenza. Questa disponibilità è una condizione fondamentale per garantire la qualità di una rappresentazione. Si deve essere disposti a ogni condizione si venga a proporre in quel momento specifico e cambiare l’idea, quel progetto a cui ci si è così a lungo preparati, nell’attimo di un baleno. E’ da questa disponibilità sgorgano le sorprese, le più gradite come, inaspettata, la presenza del coro Tomasino formato da giovani per lo più studenti del Conservatorio. Il primo incontro è all’insegna della cautela; cosa potranno offrire in un lavoro dove la presenza del coro è richiesta nell’arco dell’intero svolgimento della vicenda, con un gusto
drammaturgico “alla francese”, ma dove la commedia partenopea è pur sempre protagonista. I ragazzi sono attenti, seguono le mie parole nella traduzione ed essenzialmente nell’interpretazione di Ravi che ha il dono di porgere i concetti restituendoli con rinnovata efficacia. Saper parlare a un coro che è pubblico e che ha sete di apprendere è più che un mestiere, è l’arte del comunicare; l’esperienza si
arricchisce d’inaspettati valori.
20171003_002840
Giorno dopo giorno i partecipanti tutti si trasformano in interpeti, seguono una motivazione e la trasformano in azione attraverso l’espressione del canto e la partecipazione. Non è necessario chiedere un prolungamento delle
prove, da noi in Europa impensabile, perché loro stessi, il loro maestro Ronan Ferrer, sono sempre disponibili e grati per quello che potranno imparare. Sarà emozionante, al termine delle recite, l’espressione della riconoscenza di tutti, indistintamente, soprattutto rivolta al Principe Ravi, come in ogni occasione con rispetto si rivolgevano al loro interlocutore, da asiatici ad asiatico, ma in un abbraccio universale.
L'elisir_d_amore_Manila 03 David Astorga
La sala prove, un “ridotto” all’interno dello stesso CCP si anima giorno dopo giorno nella metamorfosi che segue ogni realizzazione operistica, in un palcoscenico che d’incanto prende forme sino ad allora solo immaginate, dove la musica da testo scritto si sprigiona
nell’incanto di una melodia. Le sorprese si susseguono con i figuranti, giovani studenti dell’UST Conservatory, virgulti di attori pronti a immergersi in qualsiasi situazione, seguendo parola per parola, mutandosi in professionisti, sempre sorridenti. Infine,
l’apporto del ballo, elementi del Philippine Ballet Theatre per cui erano previsti due brevi interventi, all’inizio del primo e secondo atto. Ebbene, anche i danzatori si sono immersi in questo tripudio di suoni, colori e di momento in momento, riportato a una personale sensibilità, i ballerini danno vita a scene e controscene di una Roma del Pinelli di chitarroni e tamburelli, con vivacità ed eleganza, nella poesia di una realizzazione del tutto originale. La riconoscenza al coreografo Anatoly Panasyukov, che nasce alla prestigiosa scuola del Bolshoi di Mosca. Lasciarci è stato commuovente!
L'elisir_d_amore_Manila 28
La macchina teatrale era lanciata e non vi era chi non ne fosse travolto, dal direttore di scena Ed Murillo accuratamente scelto e a ragione il migliore delle Filippine. In tutto questo spettacolo nello spettacolo, a noi, a Ravi e a me, anche qualche “piccolo” privilegio come l’eccezione di poter bere un caffè in palcoscenico, altrimenti vietato. Eppure … il cuore batte sempre forte la sera del “gala”, il 7 ottobre 2017. Ci si può preparare quanto si vuole, ma il momento dell’apertura del sipario rimane un’emozione indescrivibile. Ancor più, dopo il saluto del Presidente del CCP Arseno J. Lizeso, del nostro ambasciatore Giorgio Guglielmino recentemente insediatosi a Manila a cui la volontà di rendere più incisiva la collaborazione e nel caso, musicale-culturale, tra i due Paesi. Del Presidente dell’Associazione Filippine – Italia: Zenaida Tantoco.
20171008_193059
L’esecuzione degli inni, Filippino e Italiano con le rispettive bandiere al lato del palcoscenico, una rappresentanza diplomatica di grande prestigio tra cui Sua Eccellenza Signora Panha Tuot, ambasciatore del Regno di Cambogia a cui la riconoscenza di aver sempre creduto in questa iniziativa. In sintesi, una serata d’onore la cui responsabilità gravava come un macigno. La soddisfazione finale: impagabile!
L'elisir_d_amore_Manila 04 Rachelle Gerodias-Park
Le emozioni si susseguono, il giorno dopo è previsto un “mattine”. I prezzi del “gala” sono alti perché i profitti sono destinati in beneficenza per la costruzione di una nuova Chiesa nella parrocchia apostolica di Tondo, quartier di Manila; per la domenica l’accesso è facilitato e con sorpresa gli otre 1.800 posti sono esauriti. Un pubblico eterogeneo e la nuova generazione di Filippini s’impone con energia vivificante: negli applausi calorosi, mai inopportuni; segno di una reale partecipazione, così come per la richiesta, esaudita, del “bis” de “Una furtiva lagrima”. Ero in cabina regia al momento
dell’invocazione del “bis” e durante l’interminabile applauso il responsabile del reparto aveva lanciato l’effetto luce successivo, previsto per l’ingresso del soprano, come da partitura. Il generoso David Astorga fa cenno al direttore di voler esaudire la richiesta di
ripetere la romanza e io, nel mio inglese approssimativo e in totale ignoranza del tagalog, faccio cenno al responsabile di tornare all’effetto precedente. Nello stupore del tecnico per un’azione che non potevo altrimenti spiegare, tornare a un effetto luce precedente per una ripetizione di un brano che è sinonimo di successo, mi sono
reso conto di quanto tutti questi nostri rituali fossero inconsueti e di quanto per tutti loro che ci avevano seguito nell’intenso periodo, questo lavoro che ho definito un’ “avventura” si fosse tramutato in esperienza professionale e umana; un sentimento reciproco!
22383945_10208153968761932_6443000797256388852_o
Ancor più alla fine della recita, quando tutta la compagnia è stata invitata nell’atrio per la fotografia sullo “scalone”, come dei divi degli anni ’30. Un bagliore continuo di flash, di macchine fotografiche e telefonini. Un non volersi dire “addio” che poteva essere tradotto in una linguaggio senza confini in un: “ancora una volta” e “arrivederci”!
20171009_180405

“L’elisir d’amore” of Gaetano Donizetti for the first time in Manila: Article of Francesco Germinario in “L’opera international magazine”, November 2017

L'Opera Novembre 2017_1 [Dimensioni originali]

L'Opera Novembre 2017_2 [Dimensioni originali]

Integral version of the interview of His Highness Prince Sisowath Ravivaddhana Monipong and Costa Rican Tenor, David Astorga on ANC News Channel of the Philippines

Interview with HH Prince Sisowath Ravivaddhana Monipong and Costa Rican Tenor, David Astorga on ANC News Channel of the Philippines on Wednesday, 4th october 2017 about the representation of Donizetti’s “L’Elisir d’Amore” in Manila.

 

My heartfelt thanks to my fraternal friend, Producer Massimiliano Turci who published the integrality of this interview on his Youtube channel.

Prince Sisowath Ravivaddhana Monipong of Cambodia shares his thoughts on the Philippine opera scene

 

Prince Sisowath Ravivaddhana Monipong of Cambodia shares his thoughts on the Philippines opera scene in this interview in the Early Edition of ANC News on the Philippine Television on Wednesday 4th October 2017

 

Many heartfelt thanks to my fraternal friend, Massimiliano Turci who took the time to edit this excerpt of the interview on his Youtube account.

Prince Sisowath Ravivaddhana Monipong talks about his passion for Opera on the Philippine Television Channel ANC

Interview on ANC, THE TV Channel of The Philippines, talking about my passion for opera, Wednesday 4th October 2017

 

Many heartfelt thanks to my fraternal friend, Massimiliano Turci who took the time to edit this excerpt of the interview on his Youtube account.